Convegno nazionale ais-elo firenze 8-10 luglio, 2010 icon

Convegno nazionale ais-elo firenze 8-10 luglio, 2010


страницы: 1   2   3
return to the beginning

Riferimenti bibliografici


Ashby, W.R. (1956), ^ Introduction to Cybernetics, London: Chapman & Hall.

Asheim, B., Gertler, M.S. (2005), The Geography of Innovation: Regional Innovation Systems, in J. Fagerberg, D.C. Mowery, R.R. Nelson (a cura di), The Oxford Handbook of Innovation, New York: Oxford University Press, pp. 291-317.

Baldwin, R., Barba Navetti, G., Boeri T. (2007), ^ Come sta cambiando l’Italia, Bologna: Il Mulino.

Barbera, F. (2007), L’innovazione economica tra exploration ed exploitation, in Stato e Mercato, n. 3, pp. 475-510.

Baumol, W. (2002), The Free Market Innovation Machine: Analyzing the Growth Miracle of Capitalism, Princeton: Princeton University Press.

Berger, S. (2006), ^ Mondializzazione: come fanno per competere? Milano: Garzanti.

Biagiotti A. (2010), I sistemi locali leader nei brevetti, in Ramella e Trigilia (2010a), pp. 75-98.

Breschi, S., Malerba, F. (a cura di) (2005), Clusters, Networks and Innovation, Oxford: Oxford University Press.

Burt, R.S (1992), ^ Structural Holes: The Social Structure of Competition, Cambridge: Harvard University Press.

Burt, R.S. (2001), Structural Holes versus Network Closure as Social Capital, in N. Lin, K. Cook e R.S. Burt (a cura di), Social Capital. Theory and Research, New York: Aldine De Gruyter, pp. 31-56.

Calderini, M., Granieri, M. (2005), La gestione della proprietà intellettuale, in A. Grandi e M. Sobrero (a cura di), Innovazione tecnologica e gestione d’impresa. La gestione strategica dell’innovazione, Bologna: Il Mulino, pp. 151-169.

Cohen, W., Levinthal, D. (1990), Absorptive Capacity: A New Perspective on Learning and Innovation, in Administration Science Quarterly, n. 35, 123-133.

Coltorti, F. (2006), Il capitalismo di mezzo degli anni della crescita zero, in Economia Italiana, n. 3, pp. 665-687.

Cooke, P., Heidenreich, M., Braczyk H.-J. (a cura di) (2004), Regional Innovation Systems. The Role of Governance in a Globalized World, London and New York: Routledge.

Cooke, P., Schwartz, D. (a cura di) (2007), Creative Regions. Technology, culture and Knowledge Entrepreneurship, London and New York: Routledge.

Crouch, C., Schröder, M., Voelzkow, H. (2009), Regional and Sectoral Varieties of Capitalism, in Economy and Society, Vol. 38, n. 4, pp. 654-678.

Edquist C., (a cura di) (1997), Systems of Innovation. Technologies, Institutions and Organisations, Londra, Pinter Publishers, 1997.

Edquist, C. (2005), Systems of Innovation, in J. Fagerberg, D.C. Mowery e R.R. Nelson (a cura di), The Oxford Handbook of Innovation, New York: Oxford University Press, pp. 291-317.

European Commission (2009), ^ The 2009 EU Industrial R&D Investement SCOREBOARD, Joint Research Centre-Directorate General Research, Luxembourg: Office for Official Publications of the European Communities.

Eurostat (2010), Science, Technology and Innovation in Europe. 2010 Edition, Luxembourg: Publications Office of the European Union

Félix, B. (2007), Innovative Enterprises and the Use of Patents and Other Intellectual Property Rights, in Statistics in focus — Science and technology, n. 91, pp. 3-7.

Ferrucci, L., Porcheddu, D. (2004), ^ La new economy nel Mezzogiorno. Istituzioni e imprese fra progettualità e contingencies in Sardegna, Bologna: Il Mulino.

Fratto, F., Ramella, F. (2010), Le invenzioni, in Ramella e Trigilia (2010b), pp. 87-122.

Freeman, C. (1982), The Economics of Industrial Innovation, London: Printer.

Freeman, C. (1987), Technology Policy and Economic Performance: Lessons from Japan, London: Pinter.

Freeman, C. (2002), Continental, National and Sub-National Innovation Systems—Complementarity and Economic Growth, in Research Policy, Vol. 31, n. 2, pp. 191-211.

Gherardini, A. (2010), La geografia dei brevetti, in Ramella e Trigilia (2010a), pp. 35-74.

Gertler, M.S. (2003), Tacit Knowledge and the Economic Geography of Context, or the Undefinable Tacitness of Being (There), in Journal of Economic Geography, n. 3, pp. 75-99.

Gertler, M.S. (2010), Rules of the Game: The Place of Institutions in Regional Economic Change, in Regional Studies, vol. 44, n. 1, pp. 1-15.

Goodman, R.A (1981), Temporary Systems, New York: Praeger, 1981.

Grabher, G. (2002), Cool Projects, Boring Institutions: Temporary Collaboration in Social Context, in Regional Studies, n. 3, 2002, pp. 205-214.

Guelpa, F., Micelli, S. (2007), I distretti industriali del terzo millennio. Dalle economie di agglomerazione alle strategie d’impresa, Bologna: Il Mulino.

Granovetter, M. (1973), The Strenght of the Week Ties, in American Journal of Sociology, 6, 1973, pp. 1360-1380.

Granovetter, M. (1974), Getting a Job, Cambridge: Harvard University Press, 1974.

Istat (2008a), L’innovazione nelle imprese italiane. Anni 2004- 2006, in Statistiche in breve, 7 novembre, http://www.istat.it/salastampa/comunicati/non_calendario/20081107_00/.

Istat (2008b), Statistiche sull’innovazione delle imprese. Anni 2002-2004, in Informazioni, n. 1, 27 febbraio, http://www.istat.it/dati/catalogo/20080227_00/.

Istat (2010), ^ Conti economici delle imprese, 25 marzo, http://www.istat.it/dati/dataset/20100325_00/.

Kemp, R.G.M., Folkeringa, M., de Jong, J.P.J., Wubben, E.F.M. (2003), Innovation and Firm Performance, Research Report H200207, Zoetermer: SCALES.

Kline, S., Rosenberg, N. (1986), An Overview of Innovation, in R. Landau e N. Rosenberg (a cura di), ^ The Positive Sum Strategy, Washington: National Academy Press, pp. 275-305.

Lam, A. (2005), Organizational Innovation, in J. Fagerberg, D.C. Mowery and R.R. Nelson (a cura di), The Oxford Handbook of Innovation, New York: Oxford University Press, pp. 115-147.

Lundvall, B.-Å (1992), National Systems of Innovation: Towards a Theory of Innovation and Interactive Learning, London: Pinter.

Lundvall, B.-Å, Johnson, B. (1994), The Learning Economy, in ^ Industry & Innovation, Vol. 1, n. 2, pp. 23 – 42.

Lundvall, B.-Å, Johnson B., Sloth Andersen, E., Dalum, B. (2007), National Systems of Production, Innovation and Competence Building”, in K.R. Polenske (a cura di), The Economic Geography of Innovation, New York: Cambridge University Press.

March, J.C. (1991), Exploration and Exploitation in Organizational Learning, in Organization Science, n. 2, pp. 71-87.

Maskell, P., Malmberg, A. (1999), Localised Learning and Industrial Competitiveness, in ^ Cambridge Journal of Economics, 23, pp. 167-186.

Mediobanca-Unioncamere (2010), Le medie imprese industriali italiane 1998-2007, Milano.

Nelson, R.R. (a cura di) (1993), National Systems of Innovation: A Comparative Study, Oxford: Oxford University Press.

Nelson, R.R. (2007), Understanding Economic Growth as the Central Task of Economic Analysis, in F. Malerba e S. Brusoni (a cura di), ^ Perspective on Innovation, Cambridge and New York: Cambridge University Press, pp. 27-41.

Oecd (2010a), Main Science and Technology Indicators, volume 2009/2, Paris: Oecd Publishing

Oecd (2010b), Measuring Innovation: A New Perspective, Paris: Oecd Publishing

Oecd (2010c), SMEs, Entrepreneurship and Innovation, Paris: Oecd Publishing

Pavitt, K. (2002), Knowledge about Knowledge since Nelson & Winter: A Mixed Record, Electronic Working Paper, Series Paper No. 83, SPRU, Unviersity of Sussex, June, pp. 1-21.

Pettigrew, A.M., Whittington, R., Melin, L., Sanchez-Runde, Van den Bosch, F.A.J., Ruigrok, W., Numagami, T. (a cura di) (2003), Innovative Forms of Organizing: International Perspectives, London: Sage.

Polanyi M. (1966), The Tacit Dimension, New York: Anchor Books [tr. it. ^ La conoscenza inespressa, Roma: Armando, 1979].

Powell, W.W., Grodal, S. (2005), Networks of Innovation, in J. Fagerberg, D.C. Mowery and R.R. Nelson (a cura di), The Oxford Handbook of Innovation, New York: Oxford University Press, pp. 56-85.

Ramella, F. (2005), Reti sociali e performance economiche nelle imprese ICT, in ^ Stato e Mercato, n. 3, pp. 355-390.

Ramella, F., Trigilia, C. (a cura di) (2006), Reti sociali e innovazione. I sistemi locali dell’informatica, Firenze: Firenze University Press.

Ramella, F., Trigilia, C. (a cura di) (2010a), Imprese e territori dell’Alta Tecnologia in Italia, Bologna: Il Mulino.

Ramella, F., Trigilia, C. (a cura di) (2010b), ^ Invenzioni, inventori e territori in Italia, Bologna: Il Mulino.

Smith-Doerr, L., Powell W.W. (2005), Networks and Economic Life, in N.J. Smelser, R. Swedberg (a cura di), The Handbook of Economic Sociology, Princeton: Princeton University Press, pp. 379-402.

Van Vijk, R., Van den Bosch, F.A.J., Volberda, H.W. (2003), Knowledge and Networks, in M. Easterby-Smith e M.A. Lyles (a cura di), Blackwell Handbook of Organizational Learning and Knowledge Management, Oxford: Blackwell, pp. 428-453.

Verspagen, B. (2005), Innovation and Economic Growth, in J. Fagerberg, D.C. Mowery and R.R. Nelson (a cura di), The Oxford Handbook of Innovation, New York: Oxford University Press, pp. 487-513.

Vinding, A.L. (2002), Interorganizational Diffusion and Transformation of Knowledge in the Process of Product Innovation, PhD Thesis, Ike Group/DRUID, Department of Business Studies, Aalborg University.

Uzzi, B. (1997), Social Structure and Competition in Interfirm Networks: The Paradox of Embeddedness, in Administrative Science Quarterly, n. 42, pp. 35-67.

Uzzi, B. (1999), Embeddedness in the Making of Financial Capital: How Social Relations and Networks Benefit Firms Seeking Financing, in ^ American Sociological Review, n. 64, pp. 481-505.

1 Il radicamento territoriale dell’innovazione è stato prevalentemente studiato a livello nazionale e regionale. Sui sistemi nazionali e regionali dell’innovazione e sulle cosiddette learning regions si vedano Asheim e Gertler (2005), Cooke et al. (2004); Cooke and Schwartz (2007), Edquist (1997; 2005), Freeman (1987; 2002), Lundvall (1992), Lundvall et al. (2007), Nelson (1993). Sulle reti sociali si vedano Smith-Doerr e Powell (2005) e Van Wijk et al. (2003).

2 Per una rassegna delle ricerche sulla dimensione organizzativa dell’innovazione si vedano Lam (2005) e Pettigrew et al. (2003).

3 Se è vero che tra il 1990 e il 2008 il numero di ricercatori a tempo pieno occupati dalle imprese è aumentato del 14%, è altrettanto vero che nello stesso periodo in Germania sono aumentati del 40%, in Francia sono raddoppiati e in Spagna addirittura triplicati (Istat 2010, p. 165).

4 L’indagine fa parte di uno studio più ampio, coordinato insieme a Carlo Trigilia, sull’articolazione territoriale dei processi d’innovazione (Prin 2007). Per i primi risultati di questo studio si vedano Ramella e Trigilia (2010a, 2010b).

5 Le informazioni relative sono state raccolte mediante il data-base dell’European Patent Office (EPO - http://ep.espacenet.com). Per identificare i settori dell’alta tecnologia ci siamo avvalsi della classificazione Eurostat-Ocse (“Classificazione delle attività manifatturiere per intensità tecnologica e dei servizi per contenuto di conoscenza”) che suddivide le attività manifatturiere in quattro classi, secondo un ordine decrescente d’intensità tecnologica. Nelle attività manifatturiere ad “alta tecnologia” rientrano le imprese appartenenti ai seguenti settori (fra parentesi, vengono indicati i codici della classificazione europea Nace Rev. 1.1): 1) Costruzione di aeromobili e veicoli spaziali (35.3); 2) Fabbricazione di prodotti farmaceutici, chimici e botanici per usi medicinali (24.4); 3) Fabbricazione di macchine per ufficio, elaboratori e sistemi informatici (30); 4) Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e apparecchiature per le comunicazioni (32); 5) Fabbricazione di apparecchi medicali, apparecchi di precisione, strumenti ottici e orologi (33). Tra le attività manifatturiere a medio-alta tecnologia, invece, sono stati selezionati esclusivamente i brevetti afferenti al settore più ampio, quello della Fabbricazione di macchine e apparecchi meccanici n.c.a. (29).

6 La rilevazione - affidata alla società d’indagini statistiche Questlab – è stata effettuata nei mesi di marzo, aprile e maggio 2010, mediante questionari somministrati per via elettronica (metodo CAWI: computer assisted web interviewing). Le imprese sono state contattate tramite e-mail e telefonicamente e hanno potuto compilare on-line il questionario collegandosi, attraverso parametri individuali (nome utente e password), ad un sito internet appositamente allestito per l’indagine. Per la raccolta dei dati, comunque, sono state previste anche modalità alternative, ad esempio la compilazione di questionari di tipo cartaceo e/o interviste telefoniche (metodo CATI). Il questionario utilizzato era suddiviso in cinque sezioni: la prima riguardava le attività innovative dell’impresa; la seconda le risorse destinate all’innovazione; la terza le collaborazioni e le fonti di informazione utilizzate; la quarta e la quinta le caratteristiche dell’impresa e dell’imprenditore.

7 Nel settore dell’alta tecnologia la quota sale al 52%, mentre nella meccanica si scende al 39%.

8 Il 31% sono sottoposte al controllo di altre aziende (nel 14% dei casi da parte di imprese estere). Per la restante parte si tratta di imprese capogruppo che controllano altre aziende (13%), oppure sono inserite in una rete di tipo paritario (6%).

9 I consumatori finali e il mercato pubblico rappresentano uno sbocco significativo solamente per le imprese dell’alta tecnologia.

10 Solamente un quarto delle imprese non hanno collaboratori esterni. Negli altri casi rappresentano una quota variabile della forza lavoro: nella metà delle imprese non oltrepassano il 10% degli addetti, nelle restanti invece si hanno percentuali superiori.

11 Gli ultimi dati disponibili sui “Conti economici delle imprese” (diffusi dall’Istat nel marzo 2010) fanno riferimento al 2006. I dati si basano su due rilevazioni condotte su 48 mila imprese: la prima di tipo censuario comprende tutte le imprese con più di 100 addetti, la seconda è di tipo campionario e riguarda le imprese fino a 99 addetti.

12 Per una comparazione a livello nazionale è possibile rifarsi all’indagine Istat (2008a) sull’innovazione svolta dalle imprese italiane con più di 10 addetti nel triennio 2004-2006. L’inchiesta, condotta tra il 2007 e il 2008 nell’ambito della quinta rilevazione europea Community Innovation Survey (CIS 2006), ha interessato 16.961 imprese attive nell’industria, nelle costruzioni e nei servizi alle imprese. Dai dati emerge che nell’industria in senso stretto, la spesa sostenuta per l’innovazione ammonta a 5,2 mila euro per addetto. Tenendo conto solamente delle imprese con più di 10 addetti presenti nel nostro campione la cifra corrispondente per le aziende EPO risulta di 6 mila euro per addetto. Si tenga però conto che la nostra indagine ha rilevato solamente le spese destinate alla R&S svolta dalle aziende, mentre l’indagine Istat tiene conto anche di altri tipi di spese (investimenti in macchinari, acquisto di tecnologie innovative ecc.). Tra le imprese italiane dei due settori considerati solamente il 50% delle risorse destinate all’innovazione è impiegata per la R&S in senso stretto.

13 Dall’indagine condotta annualmente dalla Commissione europea sulle due mila imprese mondiali con i maggiori investimenti in R&S (mille delle quali appartenenti alla Ue), emerge che le risorse destinate alla ricerca si aggirano intorno al 3% del fatturato, salendo al 9% nei settori ad alta tecnologia (European Commission 2009).

14 La quota delle imprese che dedicano oltre un milione di euro alle attività di ricerca sale dall’1,3% nelle piccole, al 28% in quelle medie e raggiunge il 70% in quelle grandi.

15 In media, però, la quota dell’autofinanziamento raggiunge in entrambi i settori il 48% delle spese sostenute, un altro quarto è coperto attraverso il sistema creditizio (16%) o il capitale di rischio (8%), mentre la quota restante deriva da altre forme di finanziamento (5%), da incentivi pubblici nazionali (17%) o comunitari (5%).

16 L’entità dei contributi appare però limitata. Solamente nel 19% dei casi coprono oltre un quarto della spesa complessiva.

17 I dati di comparazione, in questo caso, fanno riferimento al triennio 2002-2004 e sono tratti dalla quarta rilevazione europea sull’innovazione (^ Community Innovation Survey - CIS), che ha interessato 21.854 aziende italiane con più di 10 addetti attive nell’industria, nelle costruzioni e nei servizi alle imprese.

18 Nei 21 paesi per i quali è stato rilevato il dato nell’ultima indagine CIS (2006) il valore medio risulta del 20,9%, con la Germania che registra il 14% e la Spagna il 23% (Eurostat 2010, p. 142 Tab. 5.16).

19 Per un confronto si veda Oecd (2010a, p. 55 Tab. 32).

20 Per un approfondimento di questo aspetto rimando alla ricerca svolta sugli inventori dei brevetti EPO. Si veda, in particolare, il contributo di Fratto e Ramella (2010).

21 Esiste però un effetto soglia. In presenza di un numero limitato di ricercatori, l’attribuzione di una forte autonomia operativa risulta produttiva. Al crescere delle dimensioni però (oltre i 10 addetti alla ricerca) l’effetto risulta opposto, poiché aumentano le esigenze di direzione e di coordinamento del lavoro dei vari team.


22 Con le università le collaborazioni riguardano specifici progetti di ricerca (61%), gli stage aziendali (63%), la formazione professionale (30%), le prove e i test sui materiali (58%), le certificazioni (20%) oppure, infine, le attività brevettuali (29%).

23 Nella teoria della comunicazione il concetto di ridondanza indica una sovrabbondanza d’informazioni uguali. Nella teoria dei network allude alla presenza di reti coese e legami dello stesso tipo, che non consentono al soggetto di acquisire risorse e informazioni diverse rispetto a quelle già in suo possesso. Il termine è stato utilizzato da Ronald Burt (1992) nell’ambito della sua teoria dei “buchi strutturali”.

24 Come è noto la distinzione tra legami forti/deboli è stata introdotta da Mark Granovetter (1974) nelle sue indagini sul mercato del lavoro di tecnici, professionisti e manager nei sobborghi di Boston. La ricerca di Granovetter evidenzia la “forza dei legami deboli” (1973), ovvero l’importanza di questi ultimi per raccogliere informazioni non ridondanti, utili alla ricerca di un nuovo lavoro. L’utilizzo che faccio dei due termini nella presente ricerca, si richiama anche alla distinzione fatta da Brian Uzzi (1997) a proposito delle relazioni tra imprese, che distingue tra rapporti economici socialmente radicati (embedded ties) e rapporti di puro mercato (arm’s-lenght ties).

25 Al di sopra dei 250 addetti non c’è azienda che non abbia almeno una collaborazione con una università o un centro di ricerca; quelle che ne hanno almeno tre sono il 68%. Viceversa tra le piccole imprese, quelle che non hanno alcuna collaborazione di questo tipo sale al 40%.

26 Tramite il questionario sono state raccolte alcune informazioni sulle aree in cui le imprese operano, in particolare sulla qualità della vita e sulla dotazione di servizi privati (legali, finanziari ecc), di beni collettivi (servizi pubblici, infrastrutture, università), di fattori produttivi e di capitale sociale (risorse umane, opportunità di collaborazione con imprese e clienti).

27 Nell’indagine europea CIS sono definite come innovative le imprese che hanno introdotto con successo almeno una innovazione di prodotto, di servizio o di processo nel triennio di riferimento della ricerca.

28 La capacità di cooperazione delle imprese EPO risulta comunque superiore anche al valore medio europeo, dove le partnership innovative interessano circa un quarto delle imprese. Il valore più alto viene raggiunto dalla Finlandia, dove il 57% di imprese innovative ha degli accordi di collaborazione, nel 33% dei casi anche con partner stranieri (Oecd 2010b, p. 27).

29 Questi ultimi dati fanno riferimento agli anni 2002-2004 ovvero all’indagine CIS4 (nostre elaborazioni su dati Istat 2008b).

30 Si tratta di un indice additivo costruito a partire dalle cinque variabili indicate nel testo.

31 Brian Uzzi (1999; 1997) - in relazione alle performance economiche delle imprese - ha sottolineato il ruolo della “network complementarity” e il valore “contingente” dei legami sociali. Uzzi fa riferimento all’esigenza di miscelare all’interno del network delle imprese rapporti economici socialmente radicati (embedded ties) insieme a quelli di mercato (arm’s-lenght ties). Ciò permette di bilanciare la capacità dei primi di prevenire comportamenti opportunistici e di veicolare risorse e conoscenze – ricche e affidabili – con quella dei secondi di favorire l’acquisizione di nuove informazioni e l’adattamento alle novità, non isolandosi così dagli stimoli offerti dal mercato e dall’ambiente. Una prospettiva in parte simile è stata sviluppata anche da Burt (2001) riflettendo sui diversi vantaggi presenti nei network chiusi e densi e in quelli ricchi di “buchi strutturali”.

32 Si osserva, tuttavia, una certa variabilità di risultati: nel 24% delle imprese infatti i rendimenti non sono stati positivi, nel 39% dei casi sono stati modesti (fino a 4 volte i costi sostenuti, nel 25% alti (da 5 a 10 volte) e nel 17% molto alti (oltre 10 volte). I rendimenti risultano leggermente superiori nei settori dell’alta tecnologia e nelle imprese medio-grandi.

33 Per la specificazione dei vari tipi d’innovazione considerati nella nostra ricerca si veda, più avanti.

34 Per la distinzione tra attività di exploration ed exploitation si veda March (1991).

35 L’84% delle imprese EPO hanno introdotto nell’ultimo triennio almeno un prodotto o servizio nuovo per il mercato. Tra le imprese innovative italiane la percentuale risulta del 54% nel settore della meccanica e del 61% in quelli dell’alta tecnologia. Considerando tutte le imprese (innovative e non) le percentuali nei due settori scendono, rispettivamente, al 28% e al 37% (nostre elaborazioni su dati Istat 2008a).

36 Si tenga presente che al di sotto dei 50 addetti la percentuale di imprese con alti livelli di fatturato derivanti da prodotti innovativi risulta del 57%, mentre tra le altre scende al 45%. La differenza è legata soprattutto ai prodotti maggiormente innovativi. Mentre la quota di fatturato connessa ai prodotti nuovi per l’azienda (ma non per il mercato di riferimento) è più o meno simile nelle piccole imprese e in quelle medio-grandi (19% vs 15%), quella dei nuovi prodotti per il mercato risulta decisamente superiore (32% vs 24%). La produzione e il successo di mercato di queste piccole imprese è spesso dovuta ad una scoperta di particolare rilievo. In media, infatti, il 27% del loro fatturato dipende dal brevetto più importante realizzato tra il 1995 e il 2004. Per contro tra le medie e grandi imprese si scende al 19%.

37 Deboli segnali di ripresa – ma generalizzati – si sono registrati solo negli ultimi mesi del 2009 e nei primi del 2010 (Istat 2010, pp. 39 ss.).

38 L’indice di input “innovativo” ha valori compresi tra 0 e 100 ed è stato ricavato da un’analisi fattoriale (analisi delle componenti principali; metodo di rotazione varimax). L’analisi ha fatto emergere un fattore che da solo spiega circa il 44% della varianza complessiva. L’indice è stato costruito, in maniera additiva, a partire dalle seguenti variabili (tra parentesi sono riportati i coefficienti di ponderazione utilizzati): 1) la percentuale di persone che lavorano nell’ufficio ricerca e sviluppo sul totale degli addetti (0,47); 2) la percentuale di ricercatori sul totale degli addetti (0,52); 3) le risorse destinate nel 2007 alle attività di ricerca e innovazione in percentuale del fatturato (0,44).

39 L’indice è stato costruito in maniera additiva a partire dalle 10 domande sulle innovazioni realizzate dalle imprese nel corso dell’ultimo triennio. L’indice, perciò, tiene conto della tipologia delle innovazioni introdotte (di prodotto, di processo, organizzative e di marketing) e varia tra 0 (nessuna innovazione introdotta) e 10 (tutti i tipi di innovazione introdotti). Per un elenco completo dei tipi di innovazione si veda la Tab. 14 nel testo.

40 Un ottimo esempio è quello dell’esperienza cagliaritana dell’ICT raccontata da Ferrucci e Porcheddu (2004). L’imprenditore Soru, con Tiscali, rappresenta un caso in cui le nuove potenzialità nel campo della telecomunicazione e di internet sono coniugate efficacemente con un efficace business aziendale. Soru (non casualmente laureato in economia e con un passato professionale nel campo finanziario) riesce a fondere all’interno della stessa azienda le nuove conoscenze tecnologiche con delle solide competenze manageriali: la dimensione tecnico-scientifica dell’innovazione con quella organizzativa ed economica del progetto imprenditoriale. Sotto questo profilo, Soru mette a frutto (exploitation) gran parte del lavoro pionieristico e di frontiera (exploration) svolto dall’editore Nicola Grauso che aveva in precedenza fondato Video On Line.

41 Questo in parte si spiega con le caratteristiche stesse dell’indice utilizzato che, oltre ad un dato di stock (la produttività del lavoro), tiene conto anche di due dati di flusso: la variazione del fatturato e della produttività. E’ evidente che per le piccole e medie imprese risulta più agevole - in caso di risultati positivi di mercato– avere delle forti variazioni percentuali rispetto ai livelli di partenza.

42 Tutte queste variabili emergono da un’analisi multivariata (una regressione lineare multipla, metodo stepwise, condotta mediante il pacchetto statistico Spss) che ha riguardato esclusivamente un sottoinsieme delle imprese EPO: quelle per le quali erano disponibili tutte le informazioni necessarie. L’analisi spiega una quota piuttosto limitata della varianza (R2Adj 0,20, p <0,05; numero imprese N = 280; numero predittori nel modello K= 17; sample ratio N/K = 16,5) che cresce considerando esclusivamente le piccole e medie imprese (R2Adj 0,39, p <0,05; numero imprese N = 155; numero predittori nel modello K= 13; sample ratio N/K = 11,9). La procedura di regressione, comunque, è stata utilizzata prevalentemente per finalità esplorative. Mi riservo di approfondire l’analisi multivariata in un secondo momento, utilizzando modelli esplicativi più appropriati al carattere processuale e ricorsivo dell’innovazione.

43 Anche in questo caso tutte le variabili che indico nel testo emergono da un’analisi di regressione condotta con finalità esplorative su un sub-campione delle imprese EPO (R2Adj 0,49, p <0,05; numero imprese N = 165; numero predittori nel modello K= 21; sample ratio N/K = 7,9). La quota di varianza spiegata cresce molto considerando esclusivamente le piccole e medie imprese (R2Adj 0,67, p <0,05; numero imprese N = 109; numero predittori nel modello K= 18; sample ratio N/K = 6,1).

44 I sistemi leader rappresentano il 10% dei sistemi locali del lavoro con almeno una domanda di brevetto nel decennio considerato (44-45 casi), che si collocano ai vertici delle rispettive graduatorie settoriali.





Download 440.43 Kb.
leave a comment
Page3/3
Date conversion24.10.2013
Size440.43 Kb.
TypeДокументы, Educational materials
Add document to your blog or website

страницы: 1   2   3
Be the first user to rate this..
Your rate:
Place this button on your site:
docs.exdat.com

The database is protected by copyright ©exdat 2000-2017
При копировании материала укажите ссылку
send message
Documents

upload
Documents

Рейтинг@Mail.ru
наверх